Storia

I pionieri


 

Pionieri Scuola Scialpinismo Marostica e ThieneEra il 1971 quando tre soci della sezione C.A.I. di Marostica, Giuseppe Zampieri - Ostiglio Campese - Paolo Rando, amanti dello sci alpinismo decisero di frequentare i corsi di questa specialità presso la scuola di Bolzano. Entusiasti dell'esperienza fatta, pensarono di creare una scuola a Marostica con l'aiuto di alcuni istruttori di Bolzano.

Nel 1975 nasce la Scuola di Sci Alpinismo di Marostica sotto la direzione di Romano Pasini e con gli istruttori Ermut Vitroller, Luciano Filippi, Luis Unterkircher.
Nel 1978 subentra alla direzione della scuola l'istruttore nazionale di sci-alpinismo e alpinismo Toni Marchesini. A lui si deve l'impostazione della scuola e l'alta qualità che essa ha ben presto raggiunto, caratterizzata sia dai contenuti tecnici che dall'elevato numero di partecipanti.

Numerosi sono gli istruttori di sci-alpinismo che nella Scuola di Marostica si sono formati; per tutti ricordiamo la prima storica compagine: Franco Tosin, Vittorio Castellan, Angelo Dal Zotto, Silvano Ferrari, Tito Martin, Giuseppe Zampieri e Paolo Zonta.

Fin dai primi anni la Scuola di Marostica si è segnalata per le sue innovazioni e per la buona riuscita dei corsi, tanto che gli allievi partecipanti pervenivano oltre che dai comuni limitrofi, anche dalle provincie di Trento, Padova, Venezia e Treviso.

Alla direzione della scuola si sono succeduti, Silvano Ferrari, Franco Brunello, Bruno Dagli Orti, Bruno Brunello, Fortunato Mocellin, Luciano Bonotto.
Sono cambiati sia i Direttori che gli istruttori, ma la Scuola ha mantenuto sempre quelle caratteristiche che la contraddistinguono; un buon organico di istruttori uniti tra loro da amicizia, impegno e serietà costanti, hanno fatto sì che in tutti questi anni la Scuola non abbia mai avuto momenti di calo di allievi.

Nel 1981 inizia la collaborazione tra le sezioni di Marostica e Thiene, che successivamente porta a una nuova denominazione della scuola: SCUOLA DI SCI ALPINISMO DI MAROSTICA E THIENE.

condividi su:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this page